RIUNIONE DELLA PIATTAFORMA PER LA SALUTE AMBIENTALE
IN VAL SANGONE

Giaveno, Sala Consiliare - Martedì 7 maggio 2013

La riunione si è aperta con i saluti e la breve introduzione dell’Assessore del Comune di Giaveno Dina Benna. Si è passato quindi alle presentazioni tecniche aperte dal dott. Tagliaferro dell’IPLA che ha fornito una panoramica sul progetto TAB ed in particolare sulle attività in corso di svolgimento e previste in Val Sangone. Si dato risalto a quanto già svolto ed in particolare ai documenti conoscitivi preparatori che consistono in una analisi della vulnerabilità e dei relativi punti di forza e debolezza del territorio con riferimento all’inquinamento dell’aria e della salute ambientale in genere. Si è quindi parlato dei passi successivi che prevedono la preparazione e condivisione tra tutte le parti interessate di un piano di adattamento locale che consenta di migliorare gli attuali standard di salute e di vivibilità dell’ambiente.

E’ seguito l’intervento del dott. Bande di ARPA che ha illustrato le modalità con le quali vengono applicati i modelli per la stima dei valori dei principali inquinanti sul territorio della Val Sangone che non è dotata di stazioni di misura permanenti dei paramenti. Si è potuto verificare mediante la recente acquisizione di dati misurati con un mezzo mobile a Sangano che il modello applicato funziona molto bene e i dati di questa campagna invernale 2012 hanno permesso di tarare ancor meglio il sistema.

Gli aspetti epidemiologici sono stati affrontati dal dott. De Maria che ha fornito un panorama rassicurante. In generale lo stato di salute della popolazione della valle è buona e i tassi di mortalità per le principali patologie sono in linea con i dati medi piemontesi. Si segnalano solo alcuni elementi di maggior rischio rispetto alla situazione media piemontese ma non correlati alla qualità dell’aria, quanto ad elementi tipicamente connessi alle caratteristiche dell’area montana, agli stili di vita ed alle condizioni socio-economiche.

Un panorama delle caratteristiche e delle opportunità offerte dalla certificazione ambientale EMAS è stato quindi proposto dal dott. Profeta, sempre di ARPA Piemonte, che ha incoraggiato le amministrazioni a procedere sulla strada aperta dal Comune di Giaveno che ha già conseguito la certificazione ISO 14000. Il progetto TAB può supportare questo processo fornendo i mezzi per una consulenza specifica che consenta di preparare la documentazione necessaria ad accedere alla certificazione.

La discussione finale aperta ai partecipanti è stata vivace e partecipata con interventi da parte dei rappresentanti delle diverse amministrazioni comunali e di alcuni rappresentanti delle parti sociali.

Sono stati sottolineati alcuni punti come la necessità di non diminuire gli standard di assistenza sanitaria attuali a causa della ristrutturazione del sistema in corso così come di proseguire su alcune attività già avviate. Ad esempio lo sviluppo del fotovoltaico come fonte di energia pulita per gli edifici pubblici e le campagne di prevenzione in campo sanitario. E’ emersa anche la necessità di fare sistema utilizzando quindi sempre più l’Unione di Comuni come riferimento per la possibilità di accedere a fondi e nuove opportunità di finanziamento che in questo momento di crisi economica scarseggiano.

Per scaricare le presentazioni della giornata accedere al seguente link:
Presentazioni del 7 maggio 2013